Sei in: Home | Home
Iscriversi a Italgrob? Non ha prezzo!

italgrob.jpgSin dal mio ingresso in Federazione, nel gennaio del 2011, con il ruolo di direttore generale, ho avuto l’idea fissa, e per me quasi maniacale, di far viaggiare l’ufficio federativo a pieni giri. Attuare programmi precisi, individuare obiettivi condivisi e, soprattutto, mettere in campo una convinta determinazione nel raggiugerli, lavorando ogni giorno senza sprecare neanche un minuto del mio tempo, impegnandomi inoltre con cuore e passione.

 

E quanto sto facendo, da oltre tre anni, con immutato entusiasmo. Ho scoperto poi che questi sentimenti erano anche il tratto distintivo della categoria per la quale ho l’onore di lavorare e il privilegio di servire. Impegno, passione e professionalità che ho ritrovato anche nei Presidenti dei consorzi e nei Direttori con i quali ho il piacere di collaborare nel portare avanti i progetti della Federazione. Tuttavia, a volte, ho l’impressione che la categoria (non tutta fortunatamente) smarrisca questi valori e si perda in polemiche sterili e inutili che non portano da nessuna parte.

 

Dino.jpgRitornano senza ragione velati pregiudizi e le solite laconiche domande: "Cosa fa Italgrob?"

Non si hanno occhi per vedere (o forse li si chiudono volutamente) lo sforzo immane che compie la Federazione nel tenere alta la bandiera che rappresenta, né tantomeno si valuta con oggettività i vantaggi derivanti da appartenere a una Federazione che da oltre vent’anni tutela la categoria dei distributori di bevande.

 

"Perché dovrei iscrivermi a Italgrob?"

Al caro distributore che con leggerezza, e a volte studiata superficialità, pone questo interrogativo avrei cento risposte e cento ragioni da addurre. Perché è l’unico sindacato di categoria; perché si impegna nella formazione qualificata (Horeca Distech); perché comunica cultura di canale attraverso i suoi organi ufficiali (la rivista GBI e il portale Italgrob.it); perché organizza l’International Horeca Meeting, l’unico momento di incontro e confronto fra gli operatori; perché è sempre pronta a varare programmi a favore della categoria, senza contare il lavoro dello staff tecnico e dei brillanti risultati conseguiti di cui abbiamo diffusamente parlato in altre occasioni. Ma la ragione forte è un’altra, e rifugge la logica spiccia di una quota associativa in cambio di servizi, seppur fondamentali. Diceva un famoso politico americano degli anni ’60: "Non chiederti cosa il Governo del tuo Paese può fare per te, ma chiediti cosa puoi fare tu per il tuo Paese".

 

E allora, tornando a noi, la ragione più autentica è, e deve essere, il senso di appartenenza alla propria categoria, la voglia di esserci senza pregiudizi, di partecipare senza interessi di parte, di contribuire lealmente a rafforzare e rendere omogena e solida la base sociale e di conseguenza il proprio lavoro. Solo così si cresce, solo così si è veramente forti, solo così si è gruppo con anima e nerbo pronto ad affrontare le sfide future.

 

Dino Di Marino

Direttore Generale Italgrob


10/06/2014

Torna SU ↑



Home | Per saperne di pił
Nessuna informazione disponibile per la sezione indicata

MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS