Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Forse il problema non è l’Horeca

Lo sviluppo delle varianti del Covid-19 sembra non fermare il proliferare del virus che, nonostante i ripetuti lockdown, i divieti di spostamenti, i colori delle Regioni, continua a tenere in ostaggio il nostro Paese.

 

Tante promesse con false speranze: le chiusure salveranno il Natale; i ristori arriveranno per tutte le attività danneggiate; è necessario chiudere i luoghi più a rischio per combattere il virus... Così si è perso il Natale (anche i mesi successivi), l’Horeca è stata chiusa, nonostante tutti i protocolli di sicurezza che da mesi le attività commerciali hanno adottato, è cambiato il Governo, ma nonostante ciò, il Covid ancora è in aumento e ormai, è quasi certo, bloccherà anche la Pasqua con misure più restrittive in  arrivo, come  già anticipato dal Ministro Speranza.

 

Nel frattempo, i dati si fanno sempre più preoccupanti: -37% è il fatturato 2020 sul 2019 delle aziende di distribuzione Ho.re.ca., con picchi oltre il 40% nei territori e città d’arte con alta vocazione turistica; la ristorazione è allo stremo e le sole aperture a pranzo e l’asporto non bastano a compensare un anno tremendo.

 

«Abbiamo ricominciato l’iter istituzionale con i nuovi referenti delle commissioni parlamentari di nostra competenza, a seguito della caduta del precedente  Governo, e per i prossimi giorni stiamo organizzando il calendario degli incontri per rimarcare il grande disagio delle nostre aziende - ha dichiarato il Presidente Caso - la filiera Horeca continua a subire le conseguenze più devastanti di questa emergenza: siamo, insieme al comparto dell’accoglienza turistica, allo stremo. Eppure, se siamo chiusi e i contagi continuano ad aumentare, forse è il momento di comprendere che il problema non è l’Horeca. Abbiamo affermato più volte, soprattutto, vedendo le scene degli assembramenti per strada e nei grandi centri, che i locali sono luoghi più che sicuri, che garantiscono il distanziamento e il numero massimo di persone».

 

«La situazione è paradossale - afferma Dino Di Marino direttore generale Italgrob - adesso è a rischio anche la Pasqua e l’indotto che genera. Chiediamo al Governo di valutare attentamente le nuove misure restrittive da mettere in atto: è necessario, almeno nelle aree di colore giallo, permettere ai locali di riaprire la sera, in sicurezza per i consumatori e per i lavoratori del fuori casa».


26/02/2021

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS